leggi in 5 minuti
  • Covid-19

  • Vita associativa

  • Sostieni il WWOOF

Abbiamo pensato di dedicare un pensiero a chi si affaccia sulle nostre pagine perché incuriosito o magari invogliato ad entrare a far parte di questa variopinta comunità di agricoltori stanziali e di avventurosi viaggiatori alla ricerca di esperienze rurali, di buone relazioni umane e di fiducia reciproca. Senza dimenticare il prezioso apporto di chi, pur senza ospitare o viaggiare, si associa per partecipare o sostiene le molteplici attività dell’associazione.

In questo momento in cui il mondo si blocca a causa dell’annunciato rischio di pandemia, c’è una parte di popolazione che quasi non se ne accorge.

Sono quei “contadini per scelta” che vivono fuori dai centri urbani, a volte in territori limitrofi, più spesso in territori marginali e che poco popolano le cronache o i social media.

Gli Host e i pochi WWOOFer rimasti felicemente bloccati con loro continuano a vivere la piena libertà di stare all’aria aperta senza timore producendo cibo sano per sé e per gli altri: cibo da condividere in allegre tavolate che ripagano del lavoro impegnativo sul campo e da consegnare con le dovute precauzioni a chi non è altrettanto fortunato.

E’ una ragnatela di relazioni che paiono innalzare le difese immunitarie e facilitare una visione ottimistica del futuro. L’esperienza momentanea, in quelle rare incursioni verso i centri abitati dove avvengono gli scambi, di un mondo più pulito, più lento, più silenzioso e raccolto, rinsalda il messaggio che attraverso la loro scelta di vita stanno cercando di trasmettere.

Uno stile di vita sobrio, in maggiore armonia con l’ambiente che ci circonda e con il quale appare nitida oggi più che mai la necessaria simbiosi.

E’ per questo che ci sentiamo di condividere il messaggio “Non torneremo alla normalità perché la normalità era il problema” . Certo è una sentenza e come spesso accade alle sentenze aggira la complessità della vita reale ma dà il senso del nostro agire.

Le attività dei WWOOFer sul campo in questo momento sono ridotte a beneficio di chi è già sul posto. Ci auguriamo che al più presto si riducano le limitazioni agli spostamenti e che sia possibile riprendere le attività di “impollinazione” fra un centro educativo e l’altro.

L’Associazione tuttavia è al lavoro per far rete e far circolare informazioni e buone notizie e per promuovere stili di vita sostenibili.

Se il progetto vi piace e siete intenzionati a partecipare alle attività associative o a sostenerle potete comunque aderire: se non avete intenzione al momento di visitare fattorie WWOOF o di ospitare volontari nella vostra, il vostro contributo ci aiuterà a portare avanti le nostre attività di sensibilizzazione e costruzione di rete sul territorio. In questo caso contattateci via email(link sends e-mail) o chiamate al 3510810820